Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Mercoledì 13 Dicembre 2017
Italiano English

Storie di palazzo





In molte città umbre i secoli XIV e XV furono caratterizzati dall'affermarsi di signorie locali le quali esercitarono a lungo il proprio predominio. Capitani di ventura ma anche mecenati e appassionati d'arte, i signori locali seppero amministrare con saggezza le proprie comunità. Una delle prime città ad essere interessate da questo fenomeno fu Foligno. Nel 1310, un guelfo, il vicario pontificio Rinaldo Trinci venne nominato signore della città. La signoria passò in eredità ai suoi figli e la casata mantenne il potere su Foligno e sulle terre vicine fino al 1439, quando l'esercito di papa Eugenio IV riuscì a conquistare là città ed incorporarla nello Stato della Chiesa.

Residenza cittadina della famiglia Trinci era un Palazzo, posto nel lato settentrionale dell'attuale Piazza della Repubblica, fatto costruire da Ugolino, signore di Foligno dal 1386 al 1415, utilizzando preesistenti strutture. II Palazzo, oggi sede delle principali istituzioni culturali della città (Archivio, Pinacoteca Civica, Museo Archeologico) ospita al suo interno pregevoli cicli decorativi di matrice tardo-gotica, alcuni dei quali si devono quasi certamente attribuire all'ingegno di Gentile da Fabriano.
Tra di essi notevole interesse destano gli affreschi della Loggia con Storie di Romolo e Remo, quelli della Sala delle arti e dei pianeti e quelli della bellissima Sala degli imperatori (1417), decorata da imponenti effigi di uomini illustri dell'antichità romana e nota anche con il nome di Sala dei Giganti.

Se da Foligno ci spostiamo a Perugia scopriremo che anche qui alcune famiglie signorili hanno condizionato profondamente la storia e la cultura della città. Perugia si costituì comune già nell'XI sec. e fu quasi sempre dominata dalla parte guelfa, fedele al papa, di cui riconobbe la protezione ma non accettò mai la sottomissione. All'inizio del XV sec. la città, travagliata ed indebolita da molti anni di lotte, conobbe un periodo di grande benessere sotto la signoria di Braccio da Montone, detto Fortebraccio, uno dei più temerari capitani di ventura della storia, che riuscì a conquistare in breve tempo (1416-1424) molte città dell'Umbria, includendo anche le Marche e il principato di Capua. Il generoso mecenatismo del condottiero si espresse non soltanto a Perugia, ma anche nel suo feudo di origine Montone, distante poco più di 40 chilometri dal capoluogo umbro, dove rimangono i resti della possente rocca fatta costruire da Braccio e gli affreschi quattrocenteschi della Chiesa di San Francesco, da poco recuperata e adibita a Museo Civico.

Dopo la morte di Fortebraccio, fu la famiglia dei Baglioni verso la fine del XV secolo ad imporre il proprio dominio su Perugia, favorendone lo sviluppo economico e la crescita culturale, grazie alla protezione accordata ai più importanti artisti del tempo. La Chiesa di San Francesco al prato ospitava la cappella privata della famiglia, dove, fino al 1608, fu possibile ammirare la celebre Deposizione eseguita da Raffaello su commissione di Atalanta Baglioni. Solo nel 1540 avvenne la completa sottomissione al papa che si tradusse nella costruzione della Rocca Paolina, la quale mutò il profilo urbano di Perugia, distruggendo un vasto quartiere medioevale dove erano situate le case dei Baglioni.

Una sorte particolare toccò invece, alla città di Gubbio che, a partire dal XIV sec,, entrò nell'orbita dei Montefeltro di Urbino che ressero la città fino al 1508, anno in cui gli succedette la famiglia dei Della Rovere. La dominazione dei conti e dei duchi di Urbino diede luogo ad un periodo di floridezza civile ed artistica, evidente soprattutto durante la signoria di Federico di Montefeltro. Proprio a quest'ultimo si deve la costruzione del Palazzo Ducale, un edificio tipicamente rinascimentale, che propone in forme ridotte, soluzioni analoghe a quelle adottate per il Palazzo Ducale di Urbino. II Palazzo di Gubbio occupa la zona di fronte al Duomo e sembra essere opera dell'architetto Francesco Laurana, anche se non si esclude l'intervento del senese Francesco di Giorgio Martini. Oltre al bel cortile interno è possibile visitare le sale al piano terreno che conservano magnifici camini e porte intarsiate, parti superstiti dell'arredamento andato disperso con l'estinguersi dei Montefeltro e oggi sparso in vari musei del mondo.

La storia di Città di Castello, centro situato all'estremo lembo settentrionale della regione, é profondamente legata alle vicende della famiglia dei Vitelli, che a partire dal XIV sec. e per oltre un secolo vi esercitarono il proprio dominio. Favorita dalla posizione geografica, posta al centro di importanti vie di comunicazioni, Città di Castello divenne grazie ai Vitelli, il centro artistico più vitale della regione: una vera corte rinascimentale. Grandi amici dei Medici, i Vitelli, per erigere i loro quattro palazzi, sorti in ciascun rione della città, chiamarono gli architetti fiorentini Giorgio Vasari e Antonio Sangallo.
A quest'ultimo si deve il progetto di Palazzo Vitelli alla Cannoniera, fatto costruire a partire dal 1530 e oggi sede della Pinacoteca. La Pinacoteca di Città di Castello custodisce opere di artisti in gran parte stranieri, quasi a ribadire come la città diventò luogo di intensi scambi culturali tra aree diverse. Oltre ai dipinti di Spinello Aretino e Luca Signorelli e alle terrecotte di Andrea e Luca Della Robbia, è possibile ammirare il Gonfalone della Santissima Trinità (1501-1502) del giovane Raffaello in quegli anni al servizio dei Vitelli.

Interessante, infine, è anche il Palazzo Vitelli a Porta S. Egidio, disegnato da Giorgio Vasari con affreschi di Prospero Fontana e Cristoforo Gherardi e con il giardino culminante nella "Palazzina Vitelli".


Tra gli altri palazzi signorili sparsi nella regione, si segnalano infine, Palazzo Cesi ad Acquasparta, costruito nella seconda metà del cinquecento dalla famiglia Cesi, che aveva la signoria della città; e Palazzo Farrattini ad Amelia, appartenuto ad una delle famiglie più agiate della città, che incaricò Antonio da San Gallo il Giovane di rinnovare nella metà del XVI sec. la propria residenza.

------------------
"Umbria...Cuore verde d’Italia. Percorsi d'arte", Agenzia di Promozione turistica dell'Umbria, Perugia, p. 60, per gentile concessione.

All'inizio


COMUNI DELL'UMBRIA

  DORMIRE E MANGIARE vai 
• Alberghi
• Agriturismi
• Bed & Breakfasts
• Appartamenti


• Ristoranti e Locali
altri...

  VACANZE A TEMA vai 
• Antichi documenti e codici miniati
• Il Rinascimento in Umbria
• L'Umbria dei Poeti
• In vacanza coi bambini: la Città della domenica di Perugia
• Golf & Arte in Umbria
altri...



  ENOGASTRONOMIA vai 
• Il Tartufo re della tavola in Umbria
• L'Elenco regionale dei prodotti agroalimentari tradizionali
• Cantine in Umbria e Wine tasting
• I Vini e le Etichette dell'Umbria
• Enoteche, Vinerie e Wine bar in Umbria
altri...

  ITINERARI vai 
• Visite guidate e itinerari in Umbria
• Itinerari in bicicletta
• Per rocche e castelli
• Le Abbazie Benedettine
• Itinerario della Santità femminile
altri...



  PARCHI E NATURA vai 
• Parco regionale del Monte Subasio
• Parco Regionale del Lago Trasimeno
• Parco Fluviale del Tevere
• Uno specchio d'acqua tra le colline
• Parco di Colfiorito
altri...

  COSA FARE & VEDERE vai 
• Gift Ideas for traveling
• UmbriaOnline iPhone Applicazione
• Al Parco Avventura Nahar, all’interno di uno dei più grandi allevamenti italiani di alpaca
• Corsi di Cucina Umbra
• Museo Storico Perugina
altri...





  BELLEZZA E BENESSERE vai 
• Wellness in Umbria: opportunità per i turisti
• Benessere in Umbria
• Oasi del Silenzio e Centri di Spiritualità in Umbria
• Beauty Farm in Umbria
• Terme & Spa in Umbria
altri...

  SPORT vai 
• Umbria in Bicicletta
• Golf in Umbria
• Equiturismo - Cavallo Umbria
• Parapendio e Deltaplano
• Rafting
altri...



  WEDDING vai 
• Sposarsi in Umbria
• Location ... da Mille e una Notte
• Agenzie Wedding planners in Umbria
• Fiorai e addobbi floreali per matrimoni
• Fotografi e servizi Video
altri...

  MICE (MEETING INCENTIVES CONFERENCES EVENTS) vai 
• SM.MA. noleggio attrezzature per Catering e noleggio Tensostrutture e Gazebo
• Meeting Center Valle di Assisi Hotel & Resort
• Perugia Centro Congressi e Hotel Gio' Wine e Jazz Area
• Park Hotel ai Cappuccini di Gubbio
• San Gemini - Centro Congressi
• Convegni e Congressi: perchè scegliere la regione Umbria ?
• Meeting Aziendali in Umbria
• Cerimonie in Umbria: presentazione e opportunità in generale.
• Strutture e Artisti per Eventi in Umbria
altri...



  ARTIGIANATO vai 
• L'artigiano del ferro di Assisi
• Ceramica in Umbra : arte e tradizione
• Arte del legno in Umbria
• L'arte del mobile: Città di Castello
• La ceramica a Deruta
altri...