Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Venerdì 15 Dicembre 2017
Italiano English
Calvi

Monastero delle Orsoline


Nel 1716 le Orsoline fondarono a Calvi dell'Umbria in provincia di Terni, per istanza del Vescovo di Narni, una filiale in un palazzo del tardo Cinquecento dei nobili Ferrini, venuto in loro possesso per via ereditaria. Il complesso monastico venne costituito accorpando appunto il palazzo con due chiese unificate da una monumentale facciata progettata dall’architetto Ferdinando Fuga e con un edificio appositamente costruito per il monastero dallo stesso Fuga a partire dal 1739.


La destinazione a museo consente di accedere ad ambienti di vita monastica assai suggestivi, quali le antiche cucine progettate dallo stesso Fuga, il lavatoio, la spezieria, l’area cimiteriale, la cripta con un gruppo di mummie perfettamente conservate, l’orto e il delizioso giardino.

Il Museo ospita il mobilio settecentesco portato in dote dalle suore al monastero, delle tele di soggetto sacro, una pala lignea cinquecentesca ed un crocifisso ligneo della fine del XV secolo. Dalle finestre si gode di uno splendido panorama sulla vallata e sulla montagna di San Pancrazio.(1)


La raccolta d’arte è composta da materiali confiscati agli enti religiosi dal neonato Stato italiano e da opere già appartenenti al complesso monastico. Si tratta di oggetti per lo più ascrivibili alla cultura figurativa dell’Umbria meridionale e romana dei secoli XVI e XVII e che appaiono altamente indicativi della particolare situazione di Calvi quale luogo di cerniera fra Umbria, Roma, alto Lazio e Abruzzo. La produzione locale consiste nei dipinti del manierista Rinaldo da Calvi, di Calisto Calisti e del Nerocci di Sangemini.


Le opere di Agostino Masucci, uno dei più significativi esponenti del nuovo corso artistico iniziato da Carlo Maratta, sono invece espressione dell’ambiente romano, così come la pala dell’altare maggiore della chiesa di Santa Brigida attribuita al marchigiano Francesco Appiani.


I rapporti con l’Abruzzo sono invece documentati dalla monumentale Adorazione dei Magi nella chiesa di Sant’Antonio, composta da trenta figure in terracotta a grandezza naturale eseguite nel 1546 da Giovanni e Raffaele da Montereale.(2)


Indirizzo: Via del Monastero, 1 - 05032 CALVI DELL'UMBRIA (TR)
Telefono: 0744.710428 - Email: terni@sistemamuseo.it



----------------------
(1) Museo del monastero delle Orsoline, http://www.sistemamuseo.it/.

(2) Museo del monastero delle Orsoline - Calvi, http://www.itinerari.umbria2000.it/, Portale istituzionale della Regione Umbria per il Turismo, Ambiente e Cultura.

All'inizio


Iniziative nel comune di Calvi dell'Umbria