Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Lunedì 20 Novembre 2017
Italiano English
Spello

Parco Regionale del Monte Subasio


Veduta del Monte Subasio Il Parco del Subasio è costituito dal sistema montano che prende il nome dal monte omonimo che delimita verso nord-est la Valle Umbra e la domina con i suoi 1290 metri di altezza.

Il Subasio è il “Monte de Assisio” perché Assisi e il suo monte vivono una sorta di simbiosi che si tramanda sin dall’antichità. L’intero centro storico di Assisi è compreso nel Parco. Parte del Parco sono anche le cittadine di Spello, Nocera Umbra e Valtopina.

Vegetazione di lecci Famosa è la pietra rosa che vi si ricavava. La vegetazione delle pendici del Subasio si suddivide in tre fasce: la più bassa è caratterizzata dalla coltura dell’olivo, che si estende da Spello ad Assisi su un versante e da Costa di Trex ad Armenzano e San Giovanni sull’altro. La fascia mediana di vegetazione arborea naturale comprende cerro, roverella, carpine nero, orniello, acero, faggio e leccio; la terza fascia invece è composta da prati a pascolo fin sulla cima pianeggiante, con vistosi fenomeni carsici, che contrasta con i versanti ripidi soprattutto della parte orientale.


il lupo del Subasio

Nonostante la caccia sia bandita da alcuni decenni, la fauna ospitata è relativamente povera: il lupo è occasionalmente segnalato e fino agli anni ’60 ci furono prove di insediamento dell’aquila reale e della coturnice.



La poiana
L’attuale conduzione della montagna favorisce la nuova colonizzazione della starna, del gatto selvatico, dello scoiattolo, del colombaccio, della pica, della ghiandaia, nonché dell’istrice, del tasso, della volpe, della donnola, della faina e del cinghiale. Fra i rapaci sono presenti, soprattutto sul lato orientale, la poiana, l’astore e l’assiolo.


Le strade che attraversano il Parco sono essenzialmente quelle che collegano i centri storici di Assisi, Spello, Nocera e Valtopina con i centri minori situati sul rilievo.


Tramonto sul Monte Subasio Uscendo da Assisi da Porta Perlici sulla SS. 444 Assisana prima e svoltando a destra poi, si trova la sede del Parco a Ca’ Piombino, e proseguendo si sale a Costa di Trex, da dove si raggiunge Spello via Armenzano, borgo fortificato perfettamente circolare, San Giovanni e il borgo fortificato di Collepino, da dove invece si può risalire per la strada apicale che collega Spello ad Assisi ricalcando l’antico tracciato carrareccio. Questa strada di particolare panoramicità è frequentata da turisti per raggiungere il Santuario di Madonna della Spella dal versante di Spello e l’Eremo delle Carceri, l’Abbazia di San Benedetto e i prati sommitali degli Stazzi sul versante di Assisi.

Passeggiate a cavallo sul Monte Subasio Lungo la strada si trovano anche il Mortaro Grande e il Mortaro Piccolo, doline asciutte poste vicino alla sommità del monte, utilizzate, nei secoli passati, per produrre il ghiaccio comprimendo la neve e per conservarlo fino all’estate. Accanto a questa viabilità principale, percorribile in auto, si dirama una serie di sentieri organizzati per essere percorsi a cavallo o a piedi, partendo soprattutto dai borghi di Costa di Trex, Armenzano, San Giovanni e Collepino, e permettendo di raggiungere anche i prati della cima del rilievo.


Per informazioni rivolgersi alla sede del Parco a Ca’ Piombino (Assisi), Tel. 075.8155290 Fax 075.8197395 br>

Scopri gli itinerari e i sentieri del Monte Subasio.

All'inizio


Iniziative nel comune di Spello