Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Lunedì 23 Ottobre 2017
Italiano English
Massa

Visita del centro storico


Uscendo dalla E45 Terni-Perugia, all’uscita di Massa Martana, ci si trova subito alla Stazione di Massa Martana.

La piazza Proseguendo sulla vecchia strada in direzione di Acquasparta, dopo poche centinaia di metri, incontriamo un sottopassaggio (sotto alla E45) che conduce tramite una strada bianca a un . Arrivati all’ingresso della tomba, al bivio si gira a sinistra e dopo 150 metri si incontra il Ponte Fonnaia, un ponte romano in blocchi di travertino del I secolo d.C., in completo abbandono, ma ancora imponente, specialmente visto da sotto, dal gretto del fosso Fonnaia. Un tempo vi passava la Via Flaminia Vetus (220 a.C.), proveniente da Acquasparta e diretta a Massa Martana (Statio ad Martis) e Bevagna (Mevania) per congiungersi con la Via Flaminia proveniente da Terni-Spoleto a S. Giovanni Profiamma (Forum Flaminii) presso Foligno.


Chiostro della Chiesa di S. Maria della Pace Ritornando verso la Stazione di Massa Martana, dopo poco sulla sinistra vi è il bivio per Villa San Faustino, piccolissimo borgo fortificato, nei pressi del quale sorge la Chiesa di S. Faustino. La facciata è stata manomessa da un portico aggiunto in tempi recenti. L’attuale edificio del XII secolo, a navata unica, anche al suo interno è stata modificata massicciamente con la demolizione del presbiterio rialzato originario e della cripta sottostante per far risaltare le fondamenta romane su cui poggia la chiesa.


Abbazia di S. Maria in Pantano Lungo la statale in direzione di Massa Martana, dopo pochi chilometri, sulla destra, una torre medievale con una veletta fa da campanile alla antica Chiesa di S. Maria in Pantano, sorta su un edificio di epoca romana per mano di S. Severo. La facciata con portale gotico e rosone del XIV sec. ricorda quella della Cattedrale di Todi.

Il paese di Massa Martana, tuttora cinto da mura e torrioni del XIII secolo, conserva l’aspetto di borgo fortificato. Sulla piazza principale si affaccia la Parrocchiale di S. Felice. Mentre lungo il corso principale si trova la chiesa di San Sebastiano.

Chiesa di S. Maria della Pace Fuori dalle mura, in direzione di Bastardo, sulla destra si erge la Chiesa di S. Maria della Pace, edificio rinascimentale a pianta ottagonale, con una alta cupola affrescata nel XVII secolo.

Per la visita della Chiesa di S.Illuminata, considerata una perla dell’architettura romanica, simile alla Chiesa di S. Eufemia a Spoleto, occorre rivolgersi agli uffici Comunali. Al suo interno si conservano affreschi del primo periodo romanico, parzialmente imbiancati e ancora da scoprire. Necessita di un restauro urgente.

Lungo la strada per Torri-Bastardo, alternativa alla statale, a 5 km da Massa Martana, sulla destra si trova l’Abbazia dei Ss. Fidenzio e Terenziano. L’accesso dalla strada asfaltata non è possibile, precluso dagli ingressi ai terreni privati circostanti. Poco prima, una stradina bianca sulla destra che conduce ad alcuni casali retrostanti, offre la possibilità di accedere dalla parte dell’abside e del campanile quadrato, che poggia su una base dodecagonale. L’edificio risale al XI secolo, con largo riutilizzo di blocchi provenienti da edifici romani. La raffinata facciata di filari bianchi e rosa alternati ha un elegante portale ad arco sormontato da una bifora. Nell’interno ad aula dei grandi archi ogivali sorreggono il tetto ligneo. Nove scalini portano al presbiterio rialzato, sopra a una cripta insolita, con tre colonne che sostengono ciascuna quattro archi. Originariamente la chiesa aveva tre absidi. Sulla parete del coro e sul pulpito si vedono delle lastre a rilievo riutilizzate (è opportuno munirsi di torce, visto che la chiesa è priva di sufficiente illuminazione naturale).

Nei dintorni si consiglia una visita ai numerosi Castelli che si possono incontrare, quali:
Castello delle Rocchette, Castelvecchio, il Castello di Viepri , Castel Rinaldi, Castello di Gagliole del quale restano poche rovine soffocate dalla vegetazione, Rocca di Bonaccorso, il Castello di Montignano, il Castello di Colpetrazzo, e il Castello di Mezzanelli.

All'inizio


Iniziative nel comune di Massa Martana