Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Lunedì 18 Dicembre 2017
Italiano English
TERNI

Tra gastronomia e tradizione


Il “principe" della gastronomia
Le grandi vallate della Valnerina sono un naturale giacimento di prelibatezze: funghi, ribes, frutti di bosco che nei tempi antichi venivano raccolti dai contadini per integrare la propria alimentazione, oggi sono ingredienti fondamentali per marmellate e liquori dal sapore speziato. Ma il prodotto tipico per eccellenza è il tartufo, del tipo nero, di cui la Valnerina è una grande produttrice. Qui il piatto tradizionale delle feste natalizie e del periodo invernale sono gli strengozzi (una pasta lunga, fatta con acqua e farina) e tartufo, che giunge a maturazione proprio tra novembre e marzo. In questi mesi la zona dedica numerose manifestazioni legate alla degustazione del prezioso tubero: sagre, fiera, eventi gastronomici che richiamano migliaia di golosi che qui possono scegliere fra dolci, liquori, pasta e carne tutto a base di tartufo!
Terra ricca di acque e di….. gamberi
La vallata del Nera è inoltre ricca di acque: il fiume ospita la trota e nei torrenti affluenti il gambero, che si possono gustare in squisiti piatti nei numerosi ristoranti tipici che si trovano lungo la statale. In questo caso pesce e tartufo sono un indubbio binomio di sapoLe grandi vallate della Valnerina sono un naturale giacimento di prelibatezze: funghi, ribes, frutti di bosco che nei tempi antichi venivano raccolti dai contadini per integrare la propria alimentazione, oggi sono ingredienti fondamentali per marmellate e liquori dal sapore speziatore!!
Pesce, tartufo, ma anche tanta carne. La Valnerina infatti è famosa per l'arte del "Norcino", che prende nome da Norcia, il "capoluogo" dell'intera zona. Il norcino, che ha alle spalle una lunga tradizione spesso tramandata di padre in figlio, è in pratica il maestro della cucina umbra, colui che sapientemente prepara la carne di maiale, i salumi e gli insaccati in genere. Il buongustaio in Umbria può trovare pertanto il suo regno e se non dovesse amare particolarmente le carni e il tartufo, può sempre ripiegare sulle calde zuppe di legumi e farro, che qui si fanno ancora come una volta: sul fuoco del camino in grandi pentole di coccio e l'immancabile olio d'oliva.
Un artigianato che fa "rima" con tradizione
La produzione artigiana della Valnerina va di pari passo con quella alimentare: ceramiche per la cucina, tessuti ricamati per vestire la tavola, oggetti d'uso quotidiano cui si è sempre più affiancata una produzione artistica di alto livello, con un notevole risultato estetico. Del resto l'attività artigianale del posto ha solide tradizioni: fin dal medioevo le manifatture locali avevano trovato spazio nelle corporazioni delle Arti che tutelavano con severe norme e regolamenti la qualità del lavoro delle botteghe. Passeggiando per gli antichi mercatini o per gli antiquari, e qui ce ne sono di veramente particolari, ci si può accorgere come per valorizzare al meglio la produzione della bassa Valnerina, gli artigiani di oggi riprendano le tecniche e le iconografie di un tempo, con l'intento di non disperdere un ricco patrimonio storico e artistico. La migliore espressione di quest'arte è possibile riscontrarla nelle numerose feste folkloristiche che si svolgono negli antichi borghi.
a Ferentillo le Rocche Raccontano
Tra le tante manifestazioni si ricorda la più tradizionale "Le Rocche Raccontano" organizzata a Ferentillo nel mese di Agosto. Una rievocazione storica che attraverso quadri viventi ripercorrono la storia del paese dal 1300 ai primi del '900. Qui tutti gli abitanti del paese sono coinvolti nel ricostruire fedelmente scene quotidiane di vita medievale, con mobili di un tempo, abiti, alimenti e attrezzi vari. Un evento che mette in fermento tutti gli artigiani della vallata che in questa occasione vogliono esprimere al meglio le proprie capacità. Un supporto notevole per lo svolgimento della manifestazione viene ogni anno dai giovani che si mostrano entusiasti nei preparativi: una garanzia per mantenere una tradizione che è ormai divenuta un simbolo per l'intera Valnerina.
Per informazioni i prodotti sopra proposti potete contattare la I.A.T. Terni , Via C.Battisti, 7 tel. 0744 423047, e-mail: info@iat.terni.it.

All'inizio


Iniziative nel comune di TERNI