Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Domenica 17 Dicembre 2017
Italiano English
Orvieto

Enoteca regionale.. nelle vecchie cantine di un ex Convento


Le cantine dell’ex convento di San Giovanni ospitano la mostra di vini Doc, Docg, Igt del territorio umbro. Ormai di proprietà della provincia di Terni, che ne ha curato il restauro, il complesso di San Giovanni si è trasformato da convento, a caserma ora centro multifunzionale. Consacrata la chiesa da Innocenzo III nel 1216, vide il suo primo importante restauro agli inizi del ‘500, è considerata l’esempio più completo dell’architettura tardo-rinascimentale di Orvieto.

La città sotterranea
Il sottosuolo della città è ricchissimo di cavità scavate fin dall’epoca etrusca. Per ora ne sono state censite circa 800. Il loro utilizzò continuò nell’epoca medievale, fino ad arrivare all’utilizzo come cantine nell’epoca moderna. Non furono mai utilizzate come unità abitative. La città sotterranea è un insieme disomogeneo per uso e per data di escavazione; una serie di cunicoli comunicanti utilizzati per diverse attività. Un notevole aumento dell’utilizzo fu dato da Bonifacio VIII che con una bolla pontifica ordinò che i rifuti non fossero buttati in strada ma sotterrati in cunicoli casalinghi coperti e chiusi.

Il tesoro di Orvieto
I terreni situati nei dintorni di orvieto sono considerati molto adatti alla coltivazione della vite. I cui metodi di produzione lasciati dagli etruschi si sono evoluti nel tempo. Il sistema viticolo prevedeva la vite ‘maritata’ ad altre piante come pioppi, olivi, o alberi da frutto. Nel periodo romano il vino veniva di solito addizionato ad altre spezie pepe, alloro, miele per conservare il prodotto e naturalmente aromatizzarlo.
L’antico e famoso vino di Orvieto ha ottenutola Denominazione di origine controllata nel 1971 e già nel 1931la zona intorno alla città era stata definita tipica.
L’Orvieto Classico di colore bianco paglierino, odore delicato, sapore secco con retrogusto amarognolo o amabile o delicato può essere facilmente abbinato a minestre di verdure e piatti a base di pesce.

Informazioni
Si possono effettuare, visite guidate su prenotazione, degustazioni e assaggi per tutto l’arco dell’anno. Soc. Coop. Itinera arl tel./fax 0763.393529 e-mail itinera.orvieto@tiscalinet.it.

All'inizio


Iniziative nel comune di Orvieto