Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Sabato 16 Dicembre 2017
Italiano English
Montefalco

Tuona il ‘300 con ‘Pena uno scudo a chi lava qui’


Poco distante da Montefalco c’è una piccola frazione chiamata Camiano e percorrendo la strada principale, molto pittoresca, troviamo la trecentesca ‘Fonte del Poggiolo’ con un grande voltone gotico ed una scritta sul fondo: ‘Pena uno scudo a chi lava qui’ antica disposizione dello statuto comunale. Nei pressi di Camiano, sorge il monastero di S. Rocco (primo insediamento dei frati minori a Montefalco) con accanto ad un elce secolare, che è ricordato dalla leggenda come l’albero germogliato dal bastone di S. Fortunato.
Poco prima della ‘Fonte del Poggiolo’ si trova un grande casa quattrocentesca alquanto manomessa, che dai documenti risulta essere stata posseduta dal pittore Francesco Melanzio, che vi nacque e vi lavorò; all’interno si trova un’edicola ridipinta nell’Ottocento.
Nella parte antistante alla casa si trova un’edicola del primo ‘400 rappresentante una Madonna col Bambino.
Dopo la ‘Fonte del Poggiolo’ in un edicola è stata ridipinta la Crocefissione sei-settecentesca, è ciò che resta di un antico oratorio dedicato al crocifisso. Dietro l’edicola c’è il cosiddetto Poggiolo dove nel 1960 sono venute alla luce le tracce di una necropoli romana.
Vicino a Camiano, sul culmine del Colle di Camiano, secondo la tradizione, S.Fortunato possedette un capicello chiamato l’augellus, dove fu sepolto. Un’antica tradizione racconta che S. Francesco fondò qui nel 1215, un convento e fece sgorgare miracolosamente dell’accqua chiamata poi ‘fonte di S. Francesco’ in loc. Vecciano. Il misero convento prima dei Frati Minori, poi dei Frati di Terz’ordine o ‘fraticelli’ o ‘frati della povera vita’ sorto accanto alla chiesetta di S. Maria della Selvetta, oggi S. Rocco, non vi è traccia. Questa chiesa vista l’importanza per i frati di Terz’ordine venne anche definita ‘La porziuncola del Terz’ordine regolare si S. Francesco’. Qui sorge un elce secolare ricordato da una plurisecolare trasizione come l’albero germogliato dal pungolo con cui S. Fortunato spingeva i buoi a lavoro (leggenda del VII secolo).

Non perdetevi il resto di questa meravigliosa località, che necessita di almeno un riposo nel bellissimo Albergo Ristorante Ringhiera umbra loc. Vecciano 6 Montefalco Tel. (+39) 0742.379.603 – 0742.379.166.

All'inizio


Iniziative nel comune di Montefalco