Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Martedì 21 Novembre 2017
Italiano English
Cannara

In Programma tutte gli eventi tradizionali cannaresi


Le maggiori tradizioni cannaresi sono immortalate nelle manifestazioni che qui si svolgono; queste infatti mantengono in larga misura i caratteri dell’universo festivo rurale collegato ai cicli stagionali ed alle ricorrenze di calendario, in una terra che è stata faticosamente strappata alla palude.

Gennaio
Festa di S. Antonio Abate, la domenica successiva al giorno 17, si celebra il patrono degli animali che vengono solennemente benedetti in piazza Marconi, sul sagrato delle chiese di San Francesco e San Giovanni Battista. Proprio qui i membri della confraternita di S. Antonio distribuiscono vino, salsicce, arance, pane e rocce (semplici dolcetti conditi di anice ed uva passa).

Febbraio
La gara del Ruzzolone nella ricorrenza di San Biagio (3 febbraio), dove in concomitanza alla diffusa usanza di recarsi nella chiesa per toccare la statua del Santo, in modo da preservarsi dal mal di gola, essendone protettore, c’è una singolare gara di abilità che consiste nel far rotolare le forme di formaggio per le vie del centro, secondo un’usanza del XVI secolo.

Venerdì Santo
Nelle vie cannaresi, illuminate dal solo bagliore delle fiaccole, si snoda la processione del Cristo morto. Crociferi, penitenti, incappucciati o incatenati accompagnano insieme ai membri di tutte le confraternite laicali vestite del proprio saio, il catafalco con il simulacro di Cristo, custodito durante l’anno sull’altare maggiore della chiesa delle stimmate di S. Francesco.

Pasqua
La Rinchinata è una particolare celebrazione dove due processioni accompagnano l’uscita di Cristo risorto da S. Matteo e quella della Vergine da San Biagio. Sul sagrato della chiesa parrocchiale avviene l’inchino dei due simulacri sorretti dai membri delle confraternite. Dalla riuscita del rito si traggono ancora oggi auspici per il raccolto estivo.
La gastronomia pasquale cannarese prevede pizzze di formaggio accompagnate da salumi ed uova sode e torte dolci, innaffiato da un tipico vino dolce cannarese la Vernaccia.
La Vernaccia ottenuta dall’uva passita, che si raccoglie alla fine di Ottobre quindi molto dolce, a cui viene mescolata una certa quantità di Sagrantino o o Tintarolo, che contribuisce al suo colore rosso rubino.
E’ un vino naturalmente dolce fatto con i soli acini di uva, che dopo essere stata spremuta viene messa in tini di legno dove avviene la fermentazione, che a seconda della temperatura atmosferica o della quantità dell’uva raccolta, si hanno qualità ogni anno diverse.


Corpus Domini e l’Infiorata
Tra le più importanti feste dell’anno perché in questo giorno si svolgono splendidi tappeti floreali, realizzati per la prima volta il 2 Luglio 1826 per il solenne arrivo della Madonna di Loreto, oggi custodita nella chiesa delle stimmate di S. Francesco.
L’Infiorata è realizzata da tutta la popolazione che partecipa sia alla raccolta che alla pulitura dei fiori per creare variopinti tappeti ispirati in genere a temi religiosi.

Luglio
A Collemancio tra fine Giugno e inizio Luglio c’è la festa del vino, dove i collemancesi offrono vino lungo le vie del castello a tutti i visitatori che hanno acquistato un boccale di coccio all’ingresso del paese, attingendo direttamente dalle botti messe appositamente nelle vie. Negli stessi giorni c’è una partecipata estemporanea di pittura.

Settembre
La più grande manifestazione annuale cannarese la festa della Cipolla, dove si alternano durante una settimana mostre fotografiche momenti di teatro musica, folklore. Questa festa vuole valorizzare un povero ma gustoso prodotto locale dalle comprovate proprietà diuretiche, cucinato in diversi modi ed offerto nelle graziose taverne allestite per l’occasione, si può trovare anche un raro gelato alla cipolla cannarese.
In questa occasione le cipolle vengono vendute riunite anche nelle caratteristiche trecce ottenute impiegando la ‘scarsa’ una fibra vegetale raccolta lungo i fossi, che viene essiccata e poi bagnata, per poterla intrecciare.
A Collemancio nello stesso periodo c’è la “Tre giorni in grembo alla natura” con passeggiate ecologiche, esposizione dei prodotti raccolti nei boschi circostanti e naturalmente la degustazione dei principali piatti tipici.

Per qualsiasi informazione riguardante gli eventi cannaresi si può chiamare il Comune di Cannara Tel. (+39) 0742.730.229

All'inizio


Iniziative nel comune di Cannara