Informazioni turistiche su Foligno, Umbria
Cosmetici Bio-Ecologici
Cosmetici Bio-Ecologici
Eco Abitazioni in vendita
Eco Abitazioni in vendita
Ospitalità di lusso dal 1922
Ospitalità di lusso dal 1922
Immobili in classe A
Immobili in classe A

Foligno - Il Castello di Verchiano

Un po’ di storia
Verchiano è un paese montano che fa parte del comune di Foligno. Le sue origini si possono far risalire al periodo umbro-etrusco (circa III sec. A.C.), non a caso la sua posizione è lungo la vecchia e importante strada di comunicazione tra Spoleto e le Marche. La Via della Spina è stata fino al secolo scorso la via più diretta tra Roma-Ancona.
Nel 1263 il Castello di Verchiano fu acquistato dal comune di Foligno, governato da dalla famiglia Anastasi. Tra il 1305-1439 andò in mano ai Trinci, Signori di Foligno, che lo fecero restaurare.
Con la fine dei Trinci (1439), il castello fu demolito, come gli altri castelli della Signoria dei Trinci.
Risalgono al 1600 le ristrutturazioni degli attuali palazzi Barnocchi e Corradi, fatti eseguire dalla famiglia Guerrieri di Roccafranca.
Nel XV secolo fu costruito un ospedale, voluto dalla Confraternita, ora ubicato vicino alla scuola elementare. In precedenza era in funzione un lazzaretto nei pressi di S. Lazzaro.

Chiesa di Verchiano
La “Pievania di Verchiano” risale al periodo del 1300, la sua costruzione fu iniziata nei primi anni del 1100.
La Chiesa costituisce il primo nucleo di aggregazione del “Borgo di Verchiano”. La Chiesa è stata costruita in due fasi edilizie molto diverse: la metà sinistra in stile romanico, l’altra metà è stata edificata molto più tardi; l’ampliamento si è compiuto con l’elevazione della torre campanaria.
La chiesa rappresentava oltre al luogo di culto, anche un centro di unione sociale, in quanto Vi si tenevano le riunioni degli amministratori del luogo.
La disposizione degli altari nei secoli ha subito diverse variazioni, fino ad arrivare ad un massimo di 8 tra il XVI e il XVII secolo.
Da un inventario redatto il 14 Marzo 1690, si traggono alcune notizie sulle famiglie di Verchiano; in quell’epoca si istituì’ la “ius patronati” per ogni altare, vale a dire un privilegio sull’altare che la famiglia pagava con il denaro o con la concessione di fondi rustici, in cambio della celebrazione di una certa somma di messe annue.
L’acquasantiera e il prezioso fonte battesimale sono datati 1604, commissionati dal pievano D. Antonio Ricci.

Pittura dell’Assunta di Andrea Generoli
Dietro all’altare maggiore c’è una pittura dell’Assunta il cui autore fu Andrea Generoli di origine Sabina, proveniva da Poggio Mirteto (Rieti). Il quadro fu commissionato da Santa Sabini, secondo ciò che dice il suo testamento del 1633. Di questo pittore esistono tracce di opere a Roma come “il Sacrificio di Isacco” che si trova nella Galleria Nazionale di Arte Antica (Sec. XVII).

Santuario di S. Salvatore
Situato vicino al paese di Verchiano, la chiesa di S. Salvatore è posta sull’omonimo monte a 1150m. slm, sembra sia di origine benedettina; si inizia a parlare di questo santuario in documenti che risalgono al 1333-34.
Il beato Paolo Trinci nel 1390 fu sepolto qui, un secolo dopo il suo corpo fu trasferito a Verchiano.

Il paese ora
Il comune di Foligno e la Comunanza agraria di Verchiano stanno intervenendo per il recupero e il miglioramento sismico del Castello, attualmente in uno stato di avanzato degrado. Questo per realizzare uno degli obiettivi più importanti proposti dall’amm.ne comunale di Foligno cioè la valorizzazione del patrimonio artistico culturale della montagna, per sviluppare un progetto di sviluppo turistico del territorio montano.
Questo castello con la Rocca di Roccafranca fanno parte di un grande progetto che abbraccia tutta la Valle del Menotre, il Parco dell’Arte di Cancelli, il Castello di Popola, la zona archeologica di Colfiorito. Questo grande complesso ha come punto di partenza l’area archeologica di S. Maria in Campis.

Interessante è l’attività di un centro ippico, aperto tutto l’anno, che insegna ad andare a cavallo anche ai principianti ed approfittando della bellissima zona montana, organizza lunghe passeggiate per i più esperti.
Inoltre accanto c’è una piccolissima trattoria con pochi posti, ma molto accogliente, ha un gran camino nella sala e si cucina solo in modo casalingo.

Centro Ippico CO.GI.VE. tel. (+39) 338.3053294
Ristorante OSTERIA DEI CARBONARI loc. Verchiano (+39) 0742.633023- oppure 340.2825613


© Copyright 2001-2017

SCG Business Consulting S.a.s. di Giacomelli E. & C. - Internet Advertising Division - © 2001-2017 Tutti i diritti riservati - P.IVA 01675690562