Informazioni turistiche su Itinerari , Umbria
Cosmetici Bio-Ecologici
Cosmetici Bio-Ecologici
Eco Abitazioni in vendita
Eco Abitazioni in vendita
Hotel e Resort in Assisi
Hotel e Resort in Assisi
Immobili in classe A
Immobili in classe A

Itinerari - Per rocche e castelli


Papa Innocenzo VI decise di inviare in Italia nel 1353, l'energico cardinale spagnolo Egidio Albornoz, con il compito di riportare all'obbedienza i territori dello Stato pontificio, Per rendere definitivo e sempre visibile il dominio papale, l'Albornoz si servi abilmente anche di architetture militari: le rocche, fatte costruire in Umbria, nelle Marche, in Romagna, con 1a loro imponenza caratterizzarono per sempre la fisionomia di quei territori.

Così fu per la Rocca di Spoleto (1362), dall'aspetto di un grandioso castello signorile, per la cui realizzazione il Cardinale chiamò l'illustre architetto Matteo di Giovannello, detto il Gattapone. Le costruzioni perimetrali e le 6 torri angolari delimitano due cortili interni: uno adibito a) ricovero delle truppe, l'altro detto cortile d'onore, circondato da un portico a due piani, ad uso del governatore della città. Il Castello, adibito a carcere fino al 1982, è stato oggetto di notevoli lavori di restauro che hanno messo in luce pregevoli affreschi quattrocenteschi di scuola umbra. Al suo interno sarà inoltre ospitato il museo del Ducato di Spoleto, mentre il teatro del Cortile d'onore è già sede di alcuni degli eventi del Festival dei Due Mondi.

Costruita quasi contemporaneamente a quella di Spoleto, anch'essa su progetto del Gattapone, è la bella Rocca di Narni, che, come una vigile sentinella, sovrasta il vasto territorio della conca di Terni. Imponenti (avori di ristrutturazione promossi dal comune di Narni e dalla provincia di Terni, hanno riportato la rocca all'antico splendore, trasformandola in importante polo culturale della città.

Per erigere la Rocca di Orvieto, il cardinale si servì invece, nel 1364, dell'opera di Ugolino di Montemarte, lo stesso architetto a cui sì deve la rocca di Ancona. Poco lontano si ammira il Pozzo di San Patrizio, costruito su progetto del celebre architetto Antonio da Sangallo il Giovane.

Splendido il panorama che si apre al visitatore raggiungendo la Rocca Maggiore di Assisi, posta alla sommità del colle che sovrasta la città. La rocca fu ricostruita dall'Albornoz sui resti di una precedente fortificazione sorta per volere di Federico Barbarossa, di cui conserva la pianta trapezoidale e le fondamenta.

Solo pochi rimangono invece i resti delle Rocche di Todi e di Spello, di quest'ultima sono tuttavia ancora visibili le mura e una torre.

------------------
"Umbria...Cuore verde d’Italia. Umbria Percorsi d'arte", Agenzia di Promozione turistica dell'Umbria, Perugia, p. 60, per gentile concessione.



© Copyright 2001-2017

SCG Business Consulting S.a.s. di Giacomelli E. & C. - Internet Advertising Division - © 2001-2017 Tutti i diritti riservati - P.IVA 01675690562