Informazioni turistiche su Itinerari , Umbria
Cosmetici Bio-Ecologici
Cosmetici Bio-Ecologici
Direttamente dal Costruttore
Direttamente dal Costruttore
Ospitalità di lusso dal 1922
Ospitalità di lusso dal 1922
Vendita immobili senza intermediari
Vendita immobili senza intermediari

Itinerari - Le vie del lago tra storia e tradizione


Superata la città di Perugia, proseguendo per la E 45 in direzione di Firenze, si ha la bella visione del Lago Trasimeno, quarto lago d'Italia per estensione. Il nome è legato a un leggenda che racconta le vicende di Trasimeno, figlio del re della Lidia, Tirreno. Il giovane, giunto per cacciare in questi ameni luoghi, si innamora perdutamente di Agilla, ninfa del lago. La sposa e, per seguirla, si inabissa con lei nelle acque che, da quel momento prendono il suo nome.
Seguendo la E 45, si prende l'uscita in direzione di Magione , prima tappa del nostro itinerario. La presenza del Castello dei Cavalieri di Malta, risalente alla seconda metà del XII sec, che gli abitanti del luogo chiamano comunemente "Badia", condizionò profondamente la città fin dal tempo in cui esso era di proprietà dell'ordine dei Gerosolimitani che lo usavano come ospedale.
Poco lontano si erge la Torre dei Lombardi , che costruita a cavallo tra il XII e il XIII sec., con i suoi 30 metri di altezza, costituiva un importante avamposto di avvistamento e di difesa. Da qui è possibile raggiungere il pittoresco paesino di Montecolognola (distante circa 3 km), dove gli abitanti di Magione, nel 1293, innalzarono un castello per loro difesa.

Rientrando nella E 45, o seguendo la suggestiva strada interna che costeggia il lago, passata la città di Passignano sul Trasimeno, si giunge a Tuoro. Il centro sorge sul territorio che fece da scenario alla "Battaglia del Trasimeno", dove l'esercito romano fu pesantemente sconfitto da quello punico comandato da Annibale, nel 217 a. C. All'evento storico è dedicato un "Centro di Documentazione permanente" che organizza vari itinerari di interesse archeologico e paesaggistico, tra i luoghi della Battaglia.
Presso Punta Navaccia, al lido di Tuoro invece, è l'arte contemporanea a far da protagonista con un originale museo all'aperto: II Campo del Sole. Si tratta di un insieme architettonico costituito da 28 colonne/sculture di pietra serena, estratta nelle cave locali, eseguite da alcuni tra i più importanti artisti italiani e stranieri.
Da Tuoro è anche possibile imbarcarsi e raggiungere l'Isola Maggiore, una delle tre isole del Trasimeno, dove anche San Francesco di Assisi sembra essere giunto nel 1211.
Un percorso museale svelerà al visitatore i gioielli dell'isola, come la bella Chiesa di San Michele Arcangelo, risalente all'XI sec, con interessanti affreschi di scuola umbra.
Lasciata Tuoro il nostro itinerario continua alla volta di Castiglione del Lago. Fondata come centro etrusco dalla vicina Chiusi e poi abitata dai Romani, Castiglione rappresentò nel VII sec. d. C. per la Tuscia Longobarda, un importante confine difensivo contro la Perugia bizantina. Nel 1550 poi, papa Giulio III donò il paese a sua sorella Jacoma ed ai nipoti Ascanio e Fulvio della Corgna, che vi regnarono, come Duchi di Castiglione del Lago, fino al 1647.
Nella piazza principale della città sorge il Palazzo della Corgna, eseguito su progetto di Galeazzo Alessi, noto architetto perugino. Il palazzo, in pietra calcarea e cotto, vede i suoi interni riccamente decorati: oltre agli affreschi celebranti le imprese d'armi di Ascanio della Corgna, notevole è il ciclo manierista di Niccolo Circignani, detto il Pomarancio. Il palazzo Ducale è vicino, anzi collegato da un camminamento coperto, alla Rocca dei Leoni. La fortezza (1247), uno dei più importanti esempi di architettura militare umbra, fu costruita al tempo in cui la città venne conquistata da Federico II di Svevia. L'edificio a forma pentagonale con quattro torri angolari, è collocato su uno sperone calcareo che permette di dominare tutto il Trasimeno.
Oltrepassata Castiglione del Lago ci si addentra in mezzo alle dolci colline che si aprono, da un lato, sulla distesa d'acqua del Trasimeno e, dall'altro, sulla Valdichiana. Si percorrerà, dunque, la strada che da Città della Pieve arriva a Panicale, passando per Paciano.
La notorietà del paese di Città della Pieve è legata al suo figlio più illustre, Pietro Vannucci detto il Perugino, cui diede i natali nel 1448. Numerose sono le testimonianze artistiche del pittore presenti nella città: la bellissima Adorazione dei Magi (1504) della Chiesa di Santa Maria dei Bianchi e la Deposizione dalla Croce (1517) di Santa Maria dei Servi.
Città della Pieve nasce intorno al VII sec. d.C., come postazione fortificata del Ducato Longobardo di Chiusi. NelI'VIII sec. viene edificata una Pieve (chiesa con funzioni battesimali), dedicata ai Santi Protasio e Gervasio, ora Cattedrale della città; qui, oltre ad alcune tele del Perugino, troviamo un bel Crocifisso del Giambologna ed alcuni dipinti di Pomarancio. Attribuibili quasi certamente alla mano del Pomarancio sono anche alcuni degli affreschi di Palazzo Della Corgna, la più importante tra le dimore signorili della città.
A testimonianza del carattere poco arrendevole dei pievesi resta invece, la Rocca, fatta costruire nel 1326 da Perugia, per meglio controllare l'intera città e rendere sicura la propria guarnigione. La costruzione, posta in corrispondenza delle cinta murarie, sembra essere opera dei senesi Ambrogio e Lorenzo Maitani, architetto, quest'ultimo della facciata del Duomo di Orvieto.
Il nostro itinerario termina a Panicale , borgo medioevale, ancora in gran parte intatto nel suo aspetto originario, che deriva il suo nome da "Pani calet", che significa “sta a cuore al dio Pan (protettore della natura e delle selve)”.

Il centro urbano si affaccia come una terrazza naturale sul lago. La visita può iniziare da Piazza Umberto I, con il trecentesco Palazzo Pretorio e la graziosa fontana in travertino. Salendo si raggiunge la Piazza dove si trova la Collegiata di San Michele Arcangelo, chiesa di origine longobarda fortemente rimaneggiata nel corso dei secoli, con all'interno, una bella tavola di Giovan Battista Caporali, raffigurante l'Adorazione dei Pastori. Fuori dalla Porta Fiorentina, si trova invece, la Chiesa di San Sebastiano dove il Perugino eseguì nel 1505 il Martirio di San Sebastiano, uno dei capolavori indiscussi dell'artista.
Nei pressi di Panicale una visita merita infine il Santuario di Mongiovino, una chiesa a forma centrale, edificata nei primi anni del XVI sec. da Rocco da Vicenza.


------------------
"Umbria...Cuore verde d’Italia. Umbria Percorsi d'arte", Agenzia di Promozione turistica dell'Umbria, Perugia, p. 60, per gentile concessione.



© Copyright 2001-2017

SCG Business Consulting S.a.s. di Giacomelli E. & C. - Internet Advertising Division - © 2001-2017 Tutti i diritti riservati - P.IVA 01675690562